lunedì 10 maggio 2010

arancini di riso e un pensiero per Peppino

Piu' che postare la ricetta degli arancini, che tanto su internet se ne trovano in quantità, vorrei darvi qualche consiglio tecnico per la riuscita di questo sfiziosissimo cibo da strada siculo:











il riso:
-il riso dev'essere di scarsa qualità...prendetelo al discount, quello per minestre, e cuocetelo in poca acqua, cosi' conserva piu' amido e si incolla meglio...
-quando il riso è cotto, aggiungete qualche fiocco di burro (20 gr per 100 gr di riso) e volendo qualche cucchiaiata di parmigiano o grana grattugiato.
Stendete su di una teglia ricoperta di carta forno, dev'essere spesso massimo un cm.
Questa operazione si puo' fare anche il giorno prima: una volta freddo si tagliano dei quadrati di pasta (10-12 cm) e potete formare delle palline con un buco in centro: non vi rimarrà che aggiungere il ragù con un cucchiaino. In questo modo però avrete degli arancini con poco ripieno. Se preferite avere più ragù che riso allora poggiate direttamente il quadrato di riso sul palmo della mano, disponete su di esso un cucchiaio abbondante di ragù e alcuni pezzetti di formaggio e stringete il palmo aiutandovi con l'altra mano a formare una palla. Non importa se un po' del condimento sembra fuoriuscire, l'importante è compattare bene la nostra arancina.
Il ripieno
- carne di manzo, passata di pomodoro e piselli: questo il ripieno "classico"; per una buona riuscita il ragù dev'essere freddo e ben ristretto;
- come formaggio è preferibile usare della provola, se si preferisce la mozzarella, dev'essere ben scolata.
La panatura:
ci sono due versioni, secondo me ugualmente buone:
1) la panatura con la pastella di farina e acqua
2) la panatura con uova e pangrattato
nel primo caso si passano direttamente nella pastella, nel secondo si possono prima passare nella farina, poi nell'uovo e poi nel pangrattato oppure direttamente con uovo e pangrattato.
La cottura:
Gli arancini si possono preparare con un giorno di anticipo e friggere al momento; in questo modo non c'è pericolo che si aprino.
Gli arancini fritti sono una goduria e se fatti bene assorbono pochissimo olio, ma se si vuole evitare di impuzzare casa si possono anche cuocere al forno e vengono ottimi lo stesso, certo un po' meno calorici e goduriosi...
Se volete provare la mia ricetta eccola!




Ingredienti per 16 arancini:

  • 300 gr di ragù con piselli
  • 150 gr di formaggio (provola, scamorza, o mozzarella ben scolata)
  • 300 gr di riso ben cotto al quale vanno aggiunti, una volta scolato, 60 gr di burro e 60 gr di formaggio grattugiato
  • 2 uova 
  • 100-150 gr di pangrattato
  • sale, pepe, olio per frittura


il post lo concludo con una canzone in ricordo di un grande uomo ammazzato dalla mafia trentadue anni fa; quest'anno quanto meno una bella notizia: la casa di Badalamenti, la bestia che ha deciso l'assassinio di Peppino Impastato, è stata affidata all'Associazione Impastato, nella speranza che oltre agli atti simbolici si faccia di più per estirpare il male da questa terra, dalla Sicilia e ahimè, dall'Italia.




14 commenti:

  1. buoni e consigli e che dire della conclusione?..stupenda!:)

    RispondiElimina
  2. splendidi e buonissimi! complimenti!

    RispondiElimina
  3. Complimenti per l'animo sensibile...ciò rende tutto più buono!

    RispondiElimina
  4. Li adoro!!! Grazie per tutti i consigli ;)
    Baci!!

    RispondiElimina
  5. Che buoni ,li faccio spessissimo in bianco o con il ragù,i tuo sono perfetti.Complimenti,ciao

    RispondiElimina
  6. Che buoni questi arancini! croccantini e proprio sfiziosi nel ripieno!!
    un bacione

    RispondiElimina
  7. è davvero tanto che non li preparo e ogni volta l'ho preparati con uovo e pangrattato ma ne parlavo qualche giorno fa e vorrei provarli con la pastella! I tuoi hanno davvero un bell'aspetto!

    RispondiElimina
  8. Complimenti! Sono la fine del mondo...

    RispondiElimina
  9. Grazie per gli utilissimi consigli pratici: non ho mai preparato degli arancini a regola d'arte, ma sempre andando a caso, adesso so come farli ammodo! E grazie anche per averci ricordato di questo doloroso anniversario, certe cose non vanno mai dimenticate. Buona giornata

    RispondiElimina
  10. una bellezza. il post nella sua completezza totale.

    RispondiElimina
  11. di grande levatura sia la ricetta che il ricordo di peppino è stato un piacere leggere questo post

    RispondiElimina
  12. complimenti per il tuo blog..adoro gli arancini..se ti va ti aspetto nel mio blog http:luciapasticciona.blogspot.com a presto

    RispondiElimina

fammi sapere cosa ne pensi!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...